|  Accedi  |  
Ricerca:Search:
Seleziona tipo di ricerca
 
  • Sito regionale
  • Web
Search
CARTA GEOMORFOLOGICA
1:10.000
Pagina iniziale cartografia  

 
 

CARTA GEOMORFOLOGICA REGIONALE 1:10.000

  

Descrizione e caratteristiche tecniche

La carta geomorfologica della Regione Marche in scala 1:10.000 è stata realizzata in due momenti distinti: una prima parte è stata realizzata a seguito dell’evento sismico del 1997 e riferita a parte dell’area dell’ ex Obiettivo 5b, la restante porzione, oggi  disponibile per la consultazione, è stata in seguito realizzata attraverso uno specifico progetto a totale finanziamento regionale. La cartografia geomorfologica disponibile, evidenziata nell’immagine sottostante, copre una superficie di 5180 Km2, pari a più della metà del territorio regionale.


L’evento sismico del 1997 ha posto in evidenza  le problematiche generate dalla mancanza di una cartografia geomorfologica di dettaglio, quale indispensabile base conoscitiva a supporto delle attività di programmazione e gestione del territorio. I rilevamenti per la realizzazione della porzione relativa all’area dell’ex Obiettivo 5b sono stati realizzati in scala 1:10.000 negli anni 1999-2001 e appoggiati sull’unica cartografia regionale, all’epoca esistente, in formato numerico, derivata dalla carta dell’uso del suolo del 1978.

Il coordinamento scientifico del progetto è stato svolto dalla Università di Siena e  di Camerino

L’area interessata riguarda il territorio regionale compreso all’interno dei seguenti fogli: 266 “Mercato Saraceno”, 267 “San Marino”, 268 “Pesaro”p.p., 278 “Pieve S. Stefano” p.p., 280 “Fossombrone” p.p., 281 “Senigallia” p.p., 289 “Città di Castello”, 290 “Cagli”, 291 “Pergola”, 301 “Fabriano”, 312 “Nocera Umbra”, 313 “Camerino”, 315 “Fermo” p.p., 324 “Foligno”, 325 “Visso”, 326 “Ascoli Piceno” p.p., 327 “S. Benedetto del Tronto” p.p., 337 “Norcia” e 338 “Acquasanta”.

Il progetto regionale avviato nel 2006 e concluso nel 2008, riguarda un’area di circa 723 kmq che comprende parzialmente i fogli 281 “Senigallia” , 282 “Ancona”, 292 “Jesi”  e 293 “Osimo”. Anche per la realizzazione di questo lavoro è stato svolto un rilevamento  di campagna ex novo, in scala 1:10.000, appoggiato però sulla nuova Carta Tecnica Regionale, disponibile a partire dal 2002.

Entrambi i progetti hanno realizzato una cartografia geomorfologica che riporta in modo dettagliato i depositi continentali: forme di erosione e di accumulo della superficie terrestre interpretando la loro origine in funzione dei processi morfogenetici che li hanno generati, distinguendo fra le forme attive e con indizi di evoluzione da quelle inattive e antiche. Inoltre, sono fornite informazioni sulla granulometria prevalente dei depositi; riporta in modo sintetico le formazioni del substrato dedotte dal corrispondente foglio geologico accorpandole in categorie litologiche fondamentali e con caratteristiche geologiche omogenee.

Le informazioni geomorfologiche raccolte dalla Regione Marche nel corso degli ultimi vent’anni circa, rappresentano un patrimonio di dati fondamentali per attivare misure finalizzate alla difesa del suolo, alla tutela dell’ambiente e vuole essere un importante strumento di ausilio alla pianificazione, gestione e programmazione territoriale a media e grande scala, alla valutazione quantitativa e qualitativa del rischio.

 METADATO ISO TS 19139 / INSPIRE

Disponibilità

I file in formato .pdf (layout di stampa) sono scaricabili direttamente dal quadro d’unione di seguito riportato. Gli utilizzatori dovranno rendere esplicita la proprietà regionale del dato cartografico.
 
Quadro d'unione per il download